Gravidanza

Le vitamine da assumere in gravidanza

Mangiare una dieta sana e variata in gravidanza ti aiuterà a ottenere la maggior parte delle vitamine e dei minerali di cui hai bisogno. Ma quando sei incinta dovrai prendere un integratore di acido folico. Si consiglia di prendere 400 microgrammi di acido folico ogni giorno – dovresti prenderlo da prima della gravidanza fino a 12 settimane di gravidanza.

Il Dipartimento della salute consiglia inoltre di prendere in considerazione l’assunzione di un integratore di vitamina D (vedere la sezione “La vitamina D in gravidanza”).

Non assumere integratori di vitamina A o integratori contenenti vitamina A (retinolo), poiché troppo potrebbe danneggiare il bambino. Controlla sempre l’etichetta.

Dove ottenere supplementi di gravidanza
Puoi ottenere integratori da farmacie e supermercati, o il tuo medico di famiglia potrebbe essere in grado di prescriverli per te. Se si desidera ottenere l’acido folico da una compressa multivitaminica, assicurarsi che la compressa non contenga vitamina A (o retinolo).

Dovresti prendere una compressa di acido folico 400 microgrammi ogni giorno mentre stai cercando di rimanere incinta e fino a 12 settimane di gravidanza.

L’acido folico è importante per la gravidanza, in quanto può aiutare a prevenire difetti alla nascita noti come difetti del tubo neurale, tra cui la spina bifida. Se non hai preso acido folico prima di concepire, dovresti iniziare non appena scopri di essere incinta.

Dovresti anche mangiare cibi contenenti folato (la forma naturale dell’acido folico), come le verdure a foglia verde. Alcuni cereali per la colazione e alcuni grassi come la margarina possono avere acido folico aggiunto a loro.

È difficile ottenere la quantità di acido folico raccomandato per la gravidanza dal solo cibo, motivo per cui è importante assumere un integratore di acido folico.

Tutti gli adulti, comprese le donne in gravidanza e che allattano al seno, hanno bisogno di 10 microgrammi di vitamina D al giorno e dovrebbero prendere in considerazione l’assunzione di un supplemento contenente questa quantità. La vitamina D regola la quantità di calcio e fosfato nel corpo, necessari per mantenere sani ossa, denti e muscoli.

I nostri corpi producono vitamina D quando la nostra pelle è esposta alla luce solare estiva (da fine marzo / inizio aprile a fine settembre). Non si sa esattamente quanto tempo è necessario al sole per produrre una quantità sufficiente di vitamina D per soddisfare i bisogni del corpo, ma se si è fuori al sole, assicurarsi di coprire o proteggere la pelle con la crema solare prima di iniziare a diventare rossi o bruciare .

La vitamina D è presente anche in alcuni alimenti, tra cui: pesce grasso (come salmone, sgombro, aringa e sardine), uova, carne rossa. La vitamina D è aggiunta a tutti i latte artificiale per lattanti, così come alcuni cereali da colazione, grassi e alternative al latte non caseario. Le quantità aggiunte a questi prodotti possono variare e potrebbero essere solo piccole.

Poiché la vitamina D si trova solo in un piccolo numero di alimenti, sia naturalmente che aggiunti, potrebbe essere difficile ottenere abbastanza dai cibi da soli. Quindi, tutti oltre i 5 anni di età, comprese le donne in gravidanza e in allattamento, dovrebbero prendere in considerazione l’assunzione di un supplemento giornaliero contenente 10mcg di vitamina D.

La maggior parte delle persone di età pari o superiore a cinque anni nel Regno Unito probabilmente otterrà abbastanza vitamina D dalla luce solare in estate, quindi potresti scegliere di non assumere un supplemento di vitamina D durante questi mesi. È possibile ottenere integratori vitaminici contenenti vitamina D gratuitamente se si è incinta o in periodo di allattamento e si è qualificati per lo schema di avvio sano.


Se hai la pelle scura (ad esempio, se sei di origine africana, caraibica africana o sud asiatica) o se copri sempre la pelle quando fuori, potresti essere particolarmente a rischio di non avere abbastanza vitamina D (insufficienza di vitamina D). Potrebbe essere necessario prendere in considerazione l’assunzione di un supplemento giornaliero. Parlate con la vostra ostetrica o medico se questo si applica a voi.

Durante la gravidanza, l’assunzione di macronutrienti di una donna ha bisogno di crescere in modo significativo. I macronutrienti includono carboidrati, proteine ​​e grassi.

Ad esempio, l’assunzione di proteine ​​deve aumentare dagli 0,36 grammi per libbra (0,8 grammi per kg) di peso corporeo per le donne non gravide a 0,5 grammi per libbra (1,1 grammi per kg) di peso corporeo per le donne in gravidanza . Tuttavia, il requisito per i micronutrienti, che comprendono vitamine, minerali e oligoelementi, aumenta ancor più della necessità di macronutrienti.

Vitamine e minerali supportano la crescita materna e fetale in ogni fase della gravidanza e sono necessari per supportare funzioni critiche come la crescita cellulare e la segnalazione cellulare .Mentre alcune donne sono in grado di soddisfare questa crescente domanda attraverso una dieta ben pianificata e ricca di nutrienti, altre no.

Oltre ai micronutrienti, gli integratori a base di erbe sono popolari. Uno studio ha rilevato che circa il 15,4% delle donne incinte negli Stati Uniti utilizza integratori a base di erbe. Oltre il 25% di queste donne non ha informato il proprio medico che le stavano prendendo . Mentre alcuni integratori a base di erbe possono essere sicuri da assumere durante la gravidanza, ce ne sono molti di più che potrebbero non esserlo.

Anche se alcune erbe possono aiutare con complicazioni comuni alla gravidanza come nausea e mal di stomaco, alcune possono essere dannose sia per la madre che per il feto. Sfortunatamente, non ci sono molte ricerche sull’uso di integratori a base di erbe da parte di donne in gravidanza e non si sa molto su come gli integratori possano influire sulle donne incinte.