Gravidanzamamme e consigli

Ansia postpartum durante i primi mesi di vita del tuo bambino

ansia posr partum

Il passaggio alla maternità è una sfida che a volte può creare ansia per molte donne. Scopri cosa fare se provi ansia postpartum durante i primi mesi di vita del tuo bambino.

È importante sapere che l’ansia postpartum durante i primi mesi di vita di un bambino è normale e dobbiamo essere preparati ad affrontarla.

Prima di diventare madre, come immaginavi sarebbero stati i primi mesi dopo aver avuto il tuo bambino? Probabilmente ti aspettavi un periodo tenero pieno di sentimenti ed emozioni positive. Amore traboccante, eccitazione per la nuova vita che cresce davanti ai tuoi occhi, appagamento, soddisfazione …

Questa è l’immagine della maternità che ci viene venduta dall’esterno ed è proprio per questo che molte donne possono provare enormi sensi di colpa quando provano paura e incertezza durante i primi mesi di vita del loro bambino .

È vero che quelle donne che hanno già provato ansia hanno maggiori probabilità di manifestarla in questo momento. Tuttavia, anche chi non ha mai avuto problemi di questa natura può sviluppare sintomi a causa degli enormi cambiamenti che il diventare madre comporta. In ogni caso, è importante sapere da dove viene questo disagio e quali risorse possiamo mettere in campo per alleviarlo.

Ansia postpartum durante i primi mesi di vita del tuo bambino

Come rilevare l’ansia materna?

Coloro che già conoscono l’ansia saranno in grado di identificare facilmente i sintomi quando si presentano. Ma per chi lo sperimenta per la prima volta, può essere sconcertante. Potrebbero persino pensare che qualcosa non va in loro fisicamente. Ecco perché è importante essere consapevoli dei principali segni di ansia:

Sintomi fisiologici come mancanza di respiro, oppressione toracica, tensione muscolare, battito cardiaco accelerato o sudorazione. Inoltre, la somatizzazione può manifestarsi sotto forma di mal di stomaco, mal di testa o qualsiasi altro sintomo senza spiegazione medica.

Pensieri ricorrenti che si avvicinano alla donna senza che lei possa evitarli. Questi possono riguardare la salute del bambino, le sue prestazioni come madre o qualsiasi altro problema. Ma, alla fine, queste sono preoccupazioni eccessive che producono molto disagio e di cui non riesce a liberarsi.
Possono verificarsi comportamenti ripetitivi senza scopo , come movimenti ripetuti delle gambe o mangiarsi le unghie. È anche possibile cadere in comportamenti compulsivi come l’eccesso di cibo. Inoltre, le madri che soffrono di ansia postpartum possono evitare determinate situazioni. Ad esempio, possono prendere le distanze dai loro piccoli per più di qualche minuto, per evitare l’ansia e la preoccupazione.

Perché si manifesta l’ansia postpartum durante i primi mesi di vita di un bambino?

Ci sono diversi motivi che possono causare ansia materna durante i primi mesi di vita del bambino. Tutti sono legati alla transizione implicata, a più livelli, nel diventare madre. Pertanto, tra le principali cause di ansia ci sono le seguenti:

Preoccupazione per la salute del bambino. Il desiderio che il bambino sia sano e si sviluppi correttamente può portare la madre a diventare irrequieta e ipervigilante . Quando la paura che accada qualcosa di brutto al piccolo è sproporzionata o interferisce con il tuo benessere, l’ansia fa sentire la sua presenza.

Paura di non essere all’altezza dell’occasione . Essere madre implica assumersi la responsabilità di una vita che dipende quasi interamente da se stessi. Il benessere e la felicità del bambino sono determinati, in larga misura, dalle prestazioni della madre. E questo è qualcosa che può innescare alti livelli di ansia e paura di non sapere come agire correttamente.

Paura di perdere la propria identità . Indubbiamente, la maternità diventa, dal primo momento, uno dei ruoli più rilevanti nella vita di una donna. Pertanto, è comune per molte madri temere che questo nuovo ruolo le assorba in modo tale da impedire loro di continuare a svilupparsi come donne, mogli o professionisti. Insomma, temono che la loro identità venga ridotta al ruolo di madre.

Cosa possiamo fare al riguardo?

La percentuale di donne che soffrono di ansia postpartum durante i primi mesi di vita del loro bambino è alta. Quindi, se ti trovi in ​​questa situazione, devi sapere che non sei solo.

Prima di tutto, lascia andare la colpa; tutto ciò che senti in questo momento è valido e la tua ansia non significa che sei una cattiva madre . Allo stesso tempo, è importante abbassare il livello di auto-richiesta, poiché non è necessario che tu sia perfetto affinché tuo figlio cresca sano e felice.

Prova a rivedere le tue convinzioni e pensieri e confrontali con la realtà. Se non sono obiettivi o realistici, sostituiscili con altri più appropriati. Può anche essere molto utile imparare tecniche di respirazione o rilassamento per regolare i livelli di ansia. Ma soprattutto, sii compassionevole con te stesso e cerca un aiuto professionale se l’ansia inizia a interferire con la tua vita. Il tuo benessere è il benessere del tuo bambino.