Mammemamme e consiglimamme e salute

L’uso di probiotici nei bambini

probiotici in età prescolare

L’uso di probiotici nei bambini sta aumentando al giorno d’oggi. A cosa servono? Lavorano? Sono al sicuro? In questo articolo, li conoscerai meglio.
L’uso di probiotici nei bambini sta aumentando al giorno d’oggi. Le persone spesso ne sentono parlare, ma cosa sono esattamente?Sono microrganismi vivi che hanno un effetto benefico sulla salute se ingeriti in quantità adeguate.

Pertanto, sono microrganismi esterni. In generale, richiedono quantità molto consistenti di cellule per dose per esercitare un effetto evidente.

Le caratteristiche principali che i probiotici devono soddisfare sono:

Assenza di virulenza.
Capacità di:
Resistere al passaggio attraverso le parti superiori del tratto digestivo.
Aderire all’epitelio intestinale.
Colonizzare.
L’esistenza di studi clinici sull’uomo per certificare le loro proprietà.
I probiotici più utilizzati sono:

Lieviti. Saccharomyces cerevisiae.
Batteri .
Lactobacillus.
Streptococco.
Enterococcus.
Pediococcus.
Bifidobacterium.
Propionibacterium.
Bacillo.
Escherichia.
L’uso di probiotici nei bambini
I benefici di ciascun probiotico dipendono dalla deformazione del calcestruzzo utilizzata e dalla dose.Ciò significa che ognuno deve essere studiato individualmente. Pertanto, i benefici di uno non possono essere estrapolati ad altri.

Differenza tra prebiotici e probiotici
Poiché le persone spesso confondono questi termini , riteniamo che sia importante differenziarli. Come accennato in precedenza, un probiotico è un microrganismo vivente che esercita un effetto benefico sulla salute. Tuttavia, i prebiotici non sono microrganismi vivi.

Invece, sono sostanze dietetiche che nutrono determinati microrganismi che vivono nell’intestino. Pertanto, favoriscono la crescita di batteri benefici rispetto a batteri dannosi.

Pertanto, i prebiotici hanno un ruolo benefico indiretto sulla salute. Causano cambiamenti specifici nella composizione o nell’attività della flora intestinale. Ad esempio, il latte materno contiene molti prebiotici (oligosaccaridi).

Alcuni prodotti contengono sia probiotici che prebiotici. Si chiamano simbionti. In definitiva, sono integratori alimentari che combinano batteri e zuccheri per ottenere gli effetti benefici di entrambi.

Perché i probiotici sono usati nei bambini?
Gli esperti raccomandano l’uso di probiotici nei bambini per queste condizioni comuni:

In primo luogo, diarrea virale acuta.
Colica del bambino.
Infezione da Helicobacter pylori .
Disturbi gastrointestinali funzionali associati a dolore addominale.
Malattia infiammatoria intestinale.
Inoltre, diarrea associata ad antibiotico.
Disturbi gastrointestinali funzionali infantili.
Diarrea nosocomiale.
Malattia infiammatoria intestinale: pouchite.
Infine, enterocolite necrotizzante (NEC).
I probiotici si sono dimostrati efficaci nel trattamento della gastroenterite virale acuta nei bambini . Se un paziente ha diarrea virale acuta, gli esperti raccomandano i probiotici come trattamento adiuvante alle soluzioni di reidratazione.

Un altro caso in cui i probiotici si dimostrano particolarmente efficaci è nella prevenzione della diarrea associata agli antibiotici (solo prevenzione, non trattamento).

Spesso, quando i genitori vanno in farmacia per comprare antibiotici per i loro figli, i farmacisti raccomandano loro di acquistare anche un probiotico. E questo non è solo uno strumento di marketing, in quanto vi è una forte evidenza della loro efficacia.

“Sazwan et al. Hanno concluso che l’uso di probiotici nella diarrea associata ad antibiotici ha ridotto il rischio di diarrea del 52% (IC 95%, 35-65%).” (2016)

Probiotici per coliche infantili
Ad esempio, uno dei casi più analizzati è quello della colica infantile . Gli esperti l’hanno studiato perché i probiotici possono svolgere un ruolo importante nel suo trattamento. Il probiotico più studiato, in questo caso, è Lactobacillus reuteri.

Gli studi mostrano una riduzione dei tempi di pianto giornalieri medi in 65 minuti / giorno rispetto al placebo. Gli esperti lo hanno osservato in un gruppo di bambini allattati al seno dopo 21 giorni di trattamento.

Tuttavia, altri studi con campioni più grandi non hanno trovato differenze. Pertanto, non ci sono prove sufficienti per raccomandare la sua indicazione sistemica. Pertanto, sono necessari ulteriori studi.

L’uso di probiotici nei bambini
Effetti collaterali dell’uso di probiotici nei bambini
Attualmente, i professionisti medici considerano sicuro l’uso dei probiotici nei bambini. In effetti, c’è un piccolo numero di complicanze riportate nella popolazione generale, non solo nei bambini.

Il rischio di sviluppare la batteriemia a causa dei lattobacilli ingeriti è inferiore a uno per milione di consumatori. E, quando si verifica, è perché ci sono fattori di rischio associati. Ad esempio, l’immunosoppressione.

I gruppi che sono maggiormente a rischio di soffrire di effetti collaterali durante il trattamento probiotico sono pazienti gravemente malati o altamente immunocompromessi. Questi gruppi dovrebbero prestare attenzione se decidono di usare i probiotici.

Tuttavia, oltre a queste eccezioni, l’uso di probiotici è completamente sicuro. Pertanto, non dovresti preoccuparti né avere paura. I ceppi disponibili sul mercato sono stati altamente studiati e non presentano problemi alle dosi indicate.

Tuttavia, dovrebbero essere prese in considerazione possibili allergie alimentari . Questo è il caso di un’allergia alle proteine ​​nel latte di mucca e nelle uova, per esempio. In questi casi, l’uso di probiotici dovrebbe essere limitato ai prodotti che non contengono allergeni alimentari, come indicato sull’etichetta.