Mammemamme e consiglimamme e salute

Come agire in caso di fobia scolastica

paura di andare a scuola? ecco come fare

Quando un bambino prova un forte disagio e rifiuto all’idea di andare a scuola, è probabile che soffra di fobia scolastica. Scopri come agire in questi casi.

La maggior parte dei bambini e degli adolescenti cerca, a un certo punto, di evitare di andare a scuola. Le ragioni variano ed è un comportamento normale quando si verifica in isolamento. Tuttavia, quando ciò accade continuamente e con grande intensità, potremmo osservare un caso di fobia scolastica.

Quando un giovane esprime una grande paura di andare a scuola, i genitori affrontano una situazione davvero complicata. Il bambino finge il disagio? Perché non vogliono andare a scuola? Devo permettere loro di restare a casa o costringerli ad andare a lezione?

Proviamo a rispondere a queste domande che sorgono così spesso in queste circostanze.

Cos’è la fobia della scuola?

Prima di esaminare cosa possiamo fare per affrontare la fobia scolastica, spieghiamo brevemente di cosa si tratta. È incluso nelle fobie di tipo situazionale specifico, quindi segue i criteri comuni:

Paura eccessiva, sproporzionata o irrazionale di andare a scuola.
L’idea di andare a scuola produce nel bambino un’ansia intensa e un alto livello di disagio. Questo può includere sintomi somatici , come mal di testa o dolori allo stomaco, nonché pianti e scoppi d’ira.
Il bambino resiste con tutti i mezzi ad andare a scuola e, se non può evitarlo, lo sopporta a prezzo di un enorme disagio.
Questa paura influisce in modo significativo sulla vita quotidiana del bambino e interferisce con il rendimento scolastico, le relazioni sociali e altre aree.

La paura di andare a scuola dura almeno sei mesi.

Perché si verifica?

In molti casi, la fobia scolastica del bambino nasce da un’esperienza spiacevole legata all’ambiente scolastico. Possono avere a che fare con conflitti con gli insegnanti o avere difficoltà a relazionarsi con i loro coetanei .

Tuttavia, è anche possibile che questa paura esacerbata possa derivare semplicemente dal vedere un coetaneo soffrire di queste esperienze scolastiche traumatiche. O anche per aver sentito parlare di casi simili nelle notizie. È anche comune che la personalità timida o ritirata di un bambino lo predisponga a questa fobia.

Come affrontare la fobia scolastica?

L’esposizione è fondamentale

Molti genitori, con le migliori intenzioni e considerazione per i loro figli, consentono loro di restare a casa quando osservano la loro ansia di andare a scuola. Tuttavia, come con qualsiasi fobia, è fondamentale che il bambino sia esposto ad essa, cioè che vada a lezione.

È proprio l’evitamento di ciò che si teme che mantiene e rafforza la paura. Pertanto, se permetti loro di non andare a scuola, non solo danneggerai il loro rendimento scolastico, ma manterrai e rafforzerai anche la loro fobia.

Tuttavia, non si tratta nemmeno di mantenere un atteggiamento rigido, crudele o imponente nei confronti del bambino. Non ridicolizzare la loro paura, non punirli o urlargli contro. È importante per loro sapere che comprendi la paura che provano e che tu sei lì per aiutarli. Tuttavia, restare a casa non farà che peggiorare la situazione.

Offri strumenti

Allo stesso modo, è imperativo che diamo al bambino o all’adolescente gli strumenti per affrontare questa situazione temuta. Non possiamo mandarli in battaglia a mani vuote, poiché la paura sarà paralizzante. Quindi, dobbiamo scoprire qual è l’origine della fobia e agire su di essa:

Se c’è un problema con un insegnante o un compagno di classe, possiamo parlare con la scuola per agire.
Se nostro figlio ha difficoltà a relazionarsi con gli altri, sarà importante insegnargli le abilità sociali che gli mancano. Allo stesso modo, se hanno una bassa autostima o un’eccessiva timidezza, è meglio lavorare sulla fiducia in se stessi in modo che possano affrontare le situazioni scolastiche.
È molto necessario addestrare il bambino a tecniche di rilassamento o respirazione che gli consentano di ridurre il livello di ansia. Questo sarà uno strumento a cui potranno ricorrere per ridurre l’ansia di fronte alla situazione temuta.

Aiuto professionale per la fobia scolastica

Infine, i genitori, in molte occasioni, potrebbero non essere in grado di svolgere tutto questo lavoro da soli con i propri figli. Pertanto, è necessario ricordare che ci sono professionisti che possono aiutare enormemente.

Uno psicologo infantile lavorerà con il bambino e fornirà le linee guida e le risorse necessarie. Ma lui o lei sosterrà e guiderà anche i genitori per accompagnare il processo nel miglior modo possibile. Non è qualcosa che devi affrontare da solo.