MagazineMammemamme e consiglimamme e salute

Disturbo alimentare selettivo nell’infanzia

alimentazione e bambini con difficoltà annesse

I bambini con disturbi alimentari selettivi limitano la loro assunzione a un numero molto piccolo di prodotti e questo può causare carenze nutrizionali.
È comune per i bambini avere alcune difficoltà alimentari. Queste sono principalmente le preferenze per determinati alimenti e una riluttanza a mangiarne altri. Tuttavia, in alcuni casi, il rifiuto del cibo diventa così diffuso che la persona limita la sua assunzione a un gruppo molto piccolo di alimenti. Di conseguenza, non forniranno i propri bisogni nutrizionali. Quando ciò accade, è noto come disturbo alimentare selettivo (SED).

Questa condizione non è mai stata diagnosticata come disturbo fino a poco tempo fa. Tuttavia, nell’ultima revisione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V), ha ottenuto il riconoscimento come un disturbo con caratteristiche ben definite. Ora sappiamo che la tendenza a evitare grandi gruppi alimentari va oltre un capriccio o una cattiva condotta infantile.

Disturbi alimentari selettivi
Il disturbo alimentare selettivo è il luogo in cui una persona ha una dieta limitata e non molto varia e in cui si rifiuta di provare nuovi cibi. Questo rifiuto si basa sulle caratteristiche sensoriali del cibo (consistenza, colore e forma). Di conseguenza, ci sono serie implicazioni nutrizionali.
Quando i bambini soffrono di questo disturbo, è comune per loro sperimentare la perdita di peso o non ingrassare a sufficienza mentre crescono. Allo stesso modo, ci sarà una grave carenza nutrizionale perché, in molte occasioni, i grandi gruppi alimentari come verdure, pesce o legumi vengono respinti.

Anche il piano psicosociale è interessato, dal momento che la persona tenderà a evitare incontri in cui la sua sindrome potrebbe venire alla luce o porre una sorta di problema. È una condizione che influenza il benessere sia del bambino che soffre sia dei suoi caregiver primari. Il costante rifiuto del bambino di mangiare può diventare abbastanza travolgente e preoccupante.

Più di un capriccio
Non dobbiamo mai perdere di vista il fatto che questa situazione non è il riflesso di un capriccio infantile o di un bambino “viziato”. È una sindrome che può essere causata da molti fattori e che ha implicazioni più profonde. Sebbene gli esperti non conoscano ancora le ragioni o le cause complete, hanno realizzato i seguenti risultati:

È comune per questi bambini avere una personalità ansiosa , con tratti ossessivo-compulsivi o una tendenza alla fobia sociale. Mostrano anche un basso adattamento al cambiamento e alla novità. Il disturbo può svilupparsi dalla loro personalità rigida e non flessibile.
I ricercatori hanno osservato problemi nel legame tra il bambino e il caregiver primario. I bambini, incapaci di esprimersi verbalmente, usano urla o bizze per comunicare la loro antipatia. Questo tipo di comportamento può causare grande stress, disagio e nervosismo nel caregiver.
Questo, a sua volta, impedirà la creazione di un sano legame di amore e fiducia tra di loro. Per evitare queste situazioni, il caregiver generalmente sceglie di offrire al bambino i cibi meno problematici, e questo semplicemente rafforza le condizioni alimentari del bambino.
Diversi studi hanno scoperto che una percentuale significativa di bambini e giovani con questo disturbo ha paura di soffocare o vomitare, oltre a determinate allergie alimentari.
Come prevenire e curare il disturbo alimentare selettivo?
Quando il bambino inizia a mangiare solidi, metodi come lo svezzamento guidato dal bambino (BLW) possono aiutarli a esplorare la diversità del cibo e sperimentare al loro ritmo. In questo modo, il piccolo vive i pasti come un processo naturale e divertente e non come un’imposizione.
Dobbiamo essere costanti e pazienti quando offriamo cibi vari e non dobbiamo perdere il coraggio o cedere al rifiuto del bambino.
Siamo il modello di ruolo dei nostri figli. È importante per loro vedere che tutti i membri della famiglia mangiano ciò che è sul tavolo, senza eccezioni. Incontrarsi per mangiare e chattare liberamente è anche utile.
Dovremmo cercare di essere innovativi in ​​cucina , compreso l’uso di diverse trame, sapori e metodi di preparazione. Fare qualcosa di diverso con il cibo stimolerà la curiosità dei bambini e li incoraggerà a gustare e provare nuovi sapori.
Una volta che il disturbo è stato diagnosticato, è importante cercare un aiuto professionale. In alcuni casi, i deficit nutrizionali possono richiedere una degenza ospedaliera a breve termine.
In ogni caso, sarà necessario intervenire in modo interdisciplinare, con psicologi, medici e nutrizionisti. Dovranno lavorare sulla personalità testarda del bambino e sul legame con il caregiver. E, soprattutto, dovrai continuare a introdurre nuovi alimenti nella dieta del bambino.