Gravidanza

Infezioni in gravidanza: la candida

candidosi in gravidanza

Cos’è un’infezione da lievito?

La candidosi vulvovaginale, o moniliasi, è un’infezione da lievito della vulva e della vagina. Il lievito è un tipo di fungo. Il lievito che più spesso causa queste infezioni è Candida albicans, ma anche altri tipi di lievito, tra cui Candida glabrata e Candida tropicalis, possono essere responsabili.

Circa tre donne su quattro avranno almeno una infezione da lievito nella loro vita, secondo il vostro medico di famiglia. Fino al 45 percento contrarrà due o più infezioni.

Durante la gravidanza, la Candida (e le infezioni che provoca) è ancora più comune. Secondo uno studio, circa il 20% delle donne ha un lievito Candida nella loro vagina normalmente. Quel numero sale fino al 30 percento durante la gravidanza. Il lievito ha maggiori probabilità di causare infezioni durante la gravidanza a causa delle fluttuazioni ormonali.

Perché è possibile passare il lievito al bambino durante il parto, è importante farsi curare.

Che cosa causa la candidosi?

La candidosi si verifica quando il numero normale di funghi che si trovano nella vagina aumenta abbastanza da causare sintomi. I fattori più comuni che rendono una donna più probabilità di ottenere infezioni da lievito includono:

gravidanza
diabete
uso di pillole anticoncezionali, antibiotici o corticosteroidi come il prednisone (Rayos)
disturbi che indeboliscono il sistema immunitario, come l’HIV


Durante la gravidanza, il cambiamento dei livelli ormonali modifica l’equilibrio del pH nella vagina. Questo crea un ambiente più favorevole alla crescita del lievito.

Quali complicazioni sono associate alle infezioni da lieviti?

Nelle donne non gravide che hanno un normale sistema immunitario, le infezioni da lieviti raramente portano a gravi complicazioni.

Anche in gravidanza, le infezioni da lievito non causano solitamente effetti dannosi nella madre. Tuttavia, è possibile passare il lievito al bambino durante il parto.

La maggior parte dei bambini che sviluppano un’infezione da lievito lo hanno solo nella bocca o nella zona del pannolino. Tuttavia, sebbene raro, un’infezione da lievito nei bambini può diventare molto seria, perché il loro sistema immunitario non è ancora ben sviluppato. Può diffondersi attraverso il corpo del bambino e influenzare la respirazione e il ritmo cardiaco, per esempio. Questo accade più spesso nei bambini che hanno altre cose che influenzano il loro sistema immunitario, come la prematurità o un’infezione sottostante.

Le infezioni da lieviti possono anche causare infezioni a livello del corpo e gravi complicanze nelle donne che hanno un sistema immunitario indebolito a causa di condizioni come l’HIV.

Quali sono i segni e i sintomi della candidosi?


Con la candidosi, molto probabilmente avrai prurito alla vagina e alla vulva. Si può anche notare uno scarico vaginale bianco. Questo scarico può sembrare simile alla ricotta e non dovrebbe avere un odore.

Altri sintomi includono:

dolore o dolore nella vagina o nella vulva
brucia quando si urina
un’eruzione cutanea sulla vulva e sulla pelle che a volte appare anche sull’inguine e sulle cosce


Questi sintomi possono durare poche ore, giorni o settimane.

Nei neonati e nelle donne con un sistema immunitario indebolito, la candidosi può manifestarsi in bocca. Questa condizione è nota come mughetto.

Altre condizioni possono causare sintomi simili a un’infezione del lievito, tra cui:

una reazione allergica a un prodotto che hai usato nella zona vaginale, come il sapone o il preservativo
malattie sessualmente trasmissibili (MST) come la clamidia e la gonorrea
vaginosi batterica, un tipo di infezione
Come posso prevenire un’infezione da lievito?


Puoi ridurre il rischio di future infezioni da lieviti:

mantenendo asciutta la zona vaginale
evitando bagni di bolle, spray per l’igiene femminile e lettini
indossare biancheria intima di cotone
Sebbene la candidosi non sia una malattia sessualmente trasmissibile, il sesso orale può peggiorare le condizioni e influenzare il partner sessuale.

Come viene diagnosticata la candidosi?

Il medico chiederà informazioni sui sintomi e farà un esame fisico. Per confermare la diagnosi, il medico utilizzerà un batuffolo di cotone per prelevare un campione delle secrezioni vaginali. Il campione sarà controllato al microscopio per i segni dei lieviti che causano infezioni.

In alcuni casi, il medico potrebbe voler coltivare – o crescere in laboratorio – un campione delle secrezioni vaginali. Le culture aiutano a escludere altri tipi di lievito, come C. glabrata e C. tropicalis.

Come viene trattata la candidosi?

Il più delle volte, la candidosi vulvovaginale è facile da trattare con una crema antimicotica o una supposta. Il farmaco dovrebbe alleviare i sintomi entro sette giorni. Tuttavia, durante la gravidanza, dovresti consultare il medico prima di iniziare il trattamento. Possono confermare che hai effettivamente un’infezione da lievito e assicurarti di ottenere un trattamento sicuro da usare durante la gravidanza.

Entrambi i farmaci antimicotici orali e topici sono usati per trattare le infezioni da lieviti in donne non gravide. Tuttavia, i farmaci per via orale potrebbero non essere sicuri da usare durante la gravidanza. Uno studio recente ha trovato un’associazione tra rischio maggiore di aborto spontaneo e fluconazolo orale (Diflucan) durante la gravidanza. I farmaci antifungini orali sono stati anche collegati a difetti alla nascita.

Come dovrebbero essere trattate le infezioni da lieviti?

Durante la gravidanza, è più probabile che tu abbia ripetuto più volte infezioni da lievito. Quattro o più infezioni da lievito in un anno sono chiamate candidosi vulvovaginali ricorrenti.

Se continui ad avere infezioni da lieviti, ne parli con il medico. Potrebbe essere necessario valutare i fattori di rischio come il diabete o un disturbo immunitario. Se la gravidanza è la causa, le infezioni dovrebbero interrompersi dopo il rilascio.

La ricerca rileva che l’assunzione di un farmaco orale “azolico” per sei mesi riduce la possibilità di ripetere l’infezione. Tuttavia, i farmaci antimicotici orali potrebbero non essere sicuri da usare durante la gravidanza. Potrebbe essere necessario attendere fino a dopo la consegna per continuare questo trattamento.