Gravidanza

I rischi del fumare in gravidanza

La maggior parte delle persone sa che il fumo provoca cancro, malattie cardiache e altri importanti problemi di salute. Fumare durante la gravidanza causa ulteriori problemi di salute, tra cui parto prematuro (nascita troppo precoce), alcuni difetti alla nascita e morte infantile.

Fumare rende più difficile per una donna rimanere incinta.
Le donne che fumano durante la gravidanza hanno più probabilità rispetto ad altre donne di avere un aborto spontaneo. Il fumo può causare problemi con la placenta esterna – la fonte del cibo e dell’ossigeno del bambino durante la gravidanza. Ad esempio, la placenta può separarsi troppo presto dall’utero, causando sanguinamento, che è pericoloso per la madre e il bambino.


Fumare durante la gravidanza può far nascere un bambino troppo presto o avere un basso peso alla nascita, rendendo più probabile che il bambino si ammali e debba rimanere più a lungo in ospedale. Alcuni bambini potrebbero persino morire.
Fumare durante e dopo la gravidanza è un fattore di rischio della sindrome della morte improvvisa infantile (SIDS). La SIDS è una morte infantile per la quale non è possibile trovare una causa della morte.


I bambini nati da donne che fumano hanno maggiori probabilità di avere alcuni difetti alla nascita, come labbro leporino o palatoschisi. Cosa sono le e-sigarette? Sono più sicuri delle normali sigarette in gravidanza?


Le sigarette elettroniche (chiamate anche sistemi di erogazione elettronica di nicotina o e-sigarette) sono disponibili in diverse dimensioni e forme, tra cui “penne”, “mod”, (cioè, questi tipi sono modificati dall’utente) e “serbatoi”. La maggior parte delle e-sigarette contenere una batteria, un dispositivo di riscaldamento e una cartuccia per trattenere il liquido. Il liquido contiene tipicamente nicotina, aromi e altre sostanze chimiche. Il dispositivo alimentato a batteria riscalda il liquido contenuto nella cartuccia in un aerosol che l’utente inspira.

Sebbene l’aerosol delle sigarette elettroniche abbia generalmente meno sostanze nocive rispetto al fumo di sigaretta, le e-sigarette e altri prodotti contenenti nicotina non sono sicuri da usare durante la gravidanza. La nicotina è un pericolo per la salute delle donne incinte e dei bambini in via di sviluppo e può danneggiare il cervello e i polmoni del bambino in via di sviluppo. Inoltre, alcuni degli aromi utilizzati nelle sigarette elettroniche possono essere dannosi per un bambino in fase di sviluppo. Ulteriori informazioni su e-sigarette e gravidanza.

Smettere di fumare ti aiuterà a sentirti meglio e a fornire un ambiente più sano per il tuo bambino.

Il tuo bambino riceverà più ossigeno, anche dopo solo un giorno di non fumare.
C’è meno rischio che il tuo bambino nascerà troppo presto e una migliore possibilità che il tuo bambino torni a casa dall’ospedale con te. Non solo,
avrai meno probabilità di sviluppare malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, malattie polmonari croniche e altre malattie legate al fumo. Sarai più propensa a vivere per conoscere i tuoi nipoti e avrai più energia e respirerai più facilmente. I tuoi vestiti, i tuoi capelli e la tua casa profumeranno meglio. Il tuo cibo avrà un sapore migliore. Avrai più soldi che puoi spendere per altre cose e , soprattutto,
ti sentirai bene con quello che hai fatto per te e il tuo bambino.

Il fumo passivo (detto anche fumo passivo o fumo di tabacco ambientale) è la combinazione di fumo di sigaretta accesa e fumo esalato da un fumatore.

Il fumo che brucia la fine di una sigaretta o di un sigaro contiene in realtà più sostanze nocive (catrame, monossido di carbonio, nicotina e altri) rispetto al fumo inalato dal fumatore. Se sei regolarmente esposto al fumo passivo durante la gravidanza, avrai una maggiore possibilità di avere un parto morto, un basso peso alla nascita, un bambino con difetti alla nascita e altre complicazioni della gravidanza.

I bambini e i bambini esposti al fumo passivo possono anche sviluppare asma, allergie, infezioni polmonari e dell’orecchio più frequenti e presentano un rischio più elevato di sindrome da morte improvvisa infantile (SIDS). Il fumo materno della sigaretta prenatale disturba l’equilibrio tra il sistema ossidante e antiossidante, ha un impatto negativo sul livello genetico e cellulare sia della madre che del feto e provoca una grande quantità di malattie nel nascituro. Questi danni provocati dal fumo per la prole non nata si manifestano in vari momenti della vita e per la maggior parte esiste solo una gamma molto limitata di trattamenti causali. L’istruzione, il supporto e l’assistenza sono di grande importanza per ridurre la morbilità e la mortalità materna e fetale, poiché ci sono pochi altri fattori evitabili che influenzano la salute di un bambino durante tutta la sua vita. È imperativo che il controllo del fumo debba essere considerato una priorità di salute pubblica.

Le sigarette sono veleni legali, che danneggiano non solo la salute della madre, ma mettono anche a repentaglio la salute del nascituro. Questi danni provocati dal fumo per i nascituri si manifestano in vari momenti della vita, alcuni sono chiaramente visibili dalla nascita in poi, altri diventano evidenti solo nella generazione successiva. Queste malattie hanno una cosa in comune: la stragrande maggioranza di esse è permanente e per la maggior parte esiste solo una gamma molto limitata di trattamenti causali. Per molte di queste malattie sono disponibili solo trattamenti terapeutici sintomatici.

La gravidanza funziona come un motivatore per smettere di fumare ed è un buon momento per smettere di fumare poiché le donne incinte sono più propense ad essere in una fase avanzata di cambiamento comportamentale. Ciò è stato dimostrato da uno studio di Filadelfia, Pennsylvania, USA che è vero anche per i pazienti in stato di dipendenza da nicotina e oppioidi in programmi di abuso di sostanze. In uno studio comparativo dell’Università di Padova, in Italia, le donne incinte hanno riportato livelli diminuiti di uso di nicotina e un livello inferiore di desiderio di sigarette auto-riferite che raggiungono un livello statisticamente significativo rispetto alle pazienti non gravide.

Generalmente una bassa diffusione dei programmi di disassuefazione dal fumo tra le donne incinte è stata osservata da molti studi diversi. Le femmine gravide con alti livelli di dipendenza da nicotina e diversi gruppi professionali come le donne nelle occupazioni legate al servizio e nella preparazione del cibo erano il gruppo socio-economico più improbabile a smettere di fumare durante la gravidanza o ad approfittare degli interventi per smettere di fumare. In particolare, i programmi di disassuefazione dal fumo per i fumatori in gravidanza a basso reddito sono stati per la maggior parte infruttuosi, ha scoperto uno studio di Buffalo, NY, USA.