Gravidanza

Controllare la pressione in gravidanza

Durante la gravidanza, il tuo corpo subisce numerosi cambiamenti fisici per adattarsi alla crescita e allo sviluppo del feto. Durante questi nove mesi, è ideale avere una normale pressione sanguigna.

La tua pressione sanguigna è la forza del tuo sangue che spinge contro le pareti delle tue arterie. Ogni volta che il tuo cuore batte, pompa il sangue nelle arterie, che poi portano il sangue al resto del tuo corpo. Il sangue si muove tipicamente attraverso le arterie ad una certa velocità. Tuttavia, vari fattori possono interrompere la normale velocità alla quale il sangue scorre attraverso i vasi, provocando un aumento o una diminuzione della pressione. L’aumento della pressione nelle arterie può determinare un’elevata lettura della pressione sanguigna. Una diminuzione della pressione nelle arterie può causare una lettura bassa della pressione sanguigna.

La pressione sanguigna è registrata come due tipi di numeri. Il numero sistolico è il numero più alto, che indica la quantità di pressione nelle arterie quando il cuore batte. Il numero diastolico è il numero inferiore, che indica la quantità di pressione nelle arterie tra i battiti del cuore. La pressione sanguigna sale spontaneamente ad ogni battito del cuore e cade quando il cuore riposa tra un battito e l’altro. Tuttavia, i rapidi cambiamenti che il tuo corpo subisce durante la gravidanza possono influenzare notevolmente questi numeri e causare un drastico cambiamento nella pressione sanguigna.

Secondo l’American Heart Association (AHA), una lettura normale della pressione sanguigna è 120/80 mm Hg e inferiore. Letture inferiori a 90/60 mm Hg indicano bassa pressione sanguigna o ipotensione. Letture superiori a 140/90 mm Hg in gravidanza indicano ipertensione o ipertensione. L’ipertensione è vista molto più spesso in gravidanza rispetto all’ipotensione. Circa il 10 percento di tutte le gravidanze negli Stati Uniti sono complicate da problemi di pressione sanguigna alta.

Una pressione arteriosa anomala durante la gravidanza è motivo di preoccupazione. Sia tu che il tuo bambino potreste avere un aumentato rischio di complicazioni di salute. Tuttavia, potresti essere in grado di prevenire i problemi frequentando appuntamenti prenatali regolari in modo che il tuo medico possa monitorare da vicino la tua pressione sanguigna. Si consiglia inoltre di prendere in considerazione l’apprendimento di più sulle condizioni correlate in modo da poter aiutare a gestire i fattori che influenzano la pressione sanguigna.

Ecco come rilevare la pressione arteriosa anormale: L’AHA definisce le letture anormali della pressione sanguigna negli adulti non gravidi come segue: La pressione sanguigna elevata è un numero sistolico compreso tra 120 e 129 e un numero diastolico inferiore a 80. Nell’ipertensione allo stadio 1, il numero sistolico è compreso tra 130 e 139 o il numero diastolico è compreso tra 80 e 89.
Nell’ipertensione allo stadio 2, il numero sistolico è 140 o superiore o il numero diastolico è 90 o superiore. In una crisi ipertensiva, il numero sistolico è superiore a 180 e / o il numero diastolico è superiore a 120.

Se sospetti di avere sintomi di ipertensione o ipotensione, dovresti consultare subito il medico per prevenire possibili complicazioni.

I sintomi di ipertensione e ipotensione non sono sempre presenti. Il modo migliore per sapere se hai una pressione arteriosa anomala è fare un test della pressione arteriosa. I test della pressione arteriosa vengono spesso eseguiti durante gli appuntamenti regolari di controllo e il medico deve eseguirli durante la gravidanza.

Sebbene questi test vengano eseguiti più comunemente in ambito medico, possono essere svolti anche a casa. Molti negozi di droga locali portano a casa monitor della pressione arteriosa che è possibile utilizzare per controllare la pressione sanguigna. Tuttavia, assicurarsi di consultare il proprio medico prima di provare a monitorare la pressione sanguigna a casa. Il medico può avere istruzioni specifiche su quando e quanto spesso è necessario controllare la pressione sanguigna.

Cause di pressione arteriosa anormale durante la gravidanza
L’AHA stima che 1 adulto americano su 3 soffra di ipertensione. In gravidanza, l’ipertensione può essere classificata in due categorie principali: ipertensione cronica e ipertensione correlata alla gravidanza. L’ipertensione cronica si riferisce all’ipertensione arteriosa che era presente prima della gravidanza. Potrebbe anche essere diagnosticata questa condizione se sviluppa ipertensione durante le prime 20 settimane di gravidanza. Si può ancora avere la condizione dopo il parto.

Disturbi della pressione alta legati alla gravidanza si sviluppano generalmente dopo le prime 20 settimane di gravidanza. Esistono diversi tipi di disturbi che variano in gravità. Una review del 2016 pubblicata su Integrated Blood Pressure Control suggerisce che età, obesità e problemi di salute sottostanti sembrano contribuire a queste condizioni. Anche se queste condizioni di solito scompaiono dopo il parto, il rischio di contrarre l’ipertensione in futuro è molto più alto se si sviluppa uno di questi.

L’ipotensione, sebbene molto meno comune, può essere direttamente correlata alla gravidanza. Il tuo sistema circolatorio si espande durante la gravidanza per ospitare il tuo feto. Man mano che la circolazione si espande, potresti sperimentare un piccolo calo della pressione sanguigna. Secondo l’AHA, questo è più comune durante le prime 24 settimane di gravidanza. Tuttavia, questa quantità di solito non è abbastanza significativa da causare preoccupazione.

L’ipertensione in gravidanza deve essere monitorata attentamente per prevenire complicazioni potenzialmente letali. Il medico raccomanderà visite mediche frequenti per il monitoraggio fetale, così come esami delle urine e del sangue. Il medico probabilmente ti chiederà di tenere traccia di quanto spesso il tuo bambino calcia ogni giorno. Una diminuzione del movimento può essere problematica e può indicare la necessità di una consegna anticipata.

Il medico eseguirà anche gli ultrasuoni durante tutta la gravidanza per garantire che il bambino stia crescendo correttamente. I farmaci possono anche essere raccomandati a seconda del tipo e della gravità dei problemi di ipertensione che si sviluppano.

I casi lievi di ipotensione di solito non richiedono un trattamento. Invece, il medico può consigliarti di usare cautela quando ti alzi in piedi in modo da non cadere. Casi più gravi potrebbero richiedere di: bere più liquidi, specialmente acqua
indossare calze a compressione, consumare più sale, stare in piedi meno frequentemente e fare pause frequenti quando si è in piedi.

Il modo migliore per ridurre il rischio di complicanze è in primo luogo prevenire la pressione arteriosa anomala. È utile visitare il medico per un esame fisico prima di rimanere incinta in modo che eventuali anomalie della pressione arteriosa possano essere rilevate precocemente. È anche meglio essere un peso sano prima della gravidanza. Secondo l’American College of Obstetricians and Gynecologists, non ci sono metodi provati per prevenire l’ipertensione arteriosa durante la gravidanza.