Gravidanza

Lavorare in gravidanza

A volte, essere incinta può sembrare un lavoro a tempo pieno. E questo è un problema se hai già un lavoro a tempo pieno – il tipo che richiede di essere alla tua scrivania, non dal dottore, o di essere gentile con i clienti anche quando hai voglia di stare per vomitare . Non farti prendere dal panico, mamma. Ecco come gestire il lavoro durante la gravidanza.

Il primo passo? Equità. Che tu sia un genitore che lavora o un genitore che lavora, ti meriti di essere trattato in modo equo dal tuo datore di lavoro. Per iniziare, conosci i tuoi diritti legali e mantieni queste informazioni per un facile riferimento.

La tua gravidanza deve essere trattata come qualsiasi altra disabilità o condizione medica di un dipendente. E’ illegale che il tuo datore di lavoro ti discrimini a causa della gravidanza, del parto o delle condizioni legate alla gravidanza. La gravidanza deve essere trattata come una disabilità medica temporanea. Potresti inoltre essere protetto dalle leggi statali e locali relative alla discriminazione in gravidanza.

Non puoi essere licenziato perché sei incinta o potresti rimanere incinta.
Un datore di lavoro non può licenziare, rifiutare un lavoro o negare una promozione a una donna a causa della sua gravidanza o delle condizioni relative alla gravidanza, purché possa svolgere le principali funzioni del suo lavoro. Nota: un datore di lavoro non è obbligato per legge a rendere più facile per una donna incinta svolgere il proprio lavoro.

Non puoi essere costretta a prendere congedo finché puoi fare il tuo lavoro.
I dipendenti in stato di gravidanza non possono essere costretti a prendere un congedo mentre sono in stato di gravidanza, purché possano svolgere i compiti di lavoro assegnati. Se un dipendente è assente dal lavoro a causa di una condizione legata alla gravidanza e si riprende, il datore di lavoro non può costringerla a rimanere in ferie fino alla nascita del bambino.

Hai diritto agli stessi benefici ricevuti da altri dipendenti con condizioni mediche.
È necessario offrire lo stesso livello di prestazioni mediche, assenze e un’assicurazione invalidità temporanea fornite ai dipendenti che hanno altre condizioni mediche o disabilità. Puoi prendere parte al congedo di maternità prima della nascita del bambino.


Nonostante le sue difficoltà e disagi, la gravidanza non è un biglietto per rallentare al lavoro. Ecco alcuni suggerimenti per gestire con successo ogni situazione, dalla condivisione delle notizie sulla gravidanza alla preparazione del congedo per maternità. Condividi le notizie sulla gravidanza prima con il tuo capo.
Ogni volta che decidi di annunciare le notizie, assicurati che il tuo capo sia il primo a saperlo; vuoi che lei lo senta direttamente da te, non attraverso la vite dell’ufficio. Pianifica un appuntamento per dirle che ti aspetti e per farle sapere quando è il tuo bambino. Mantieni il tuo tono positivo e ottimista e risparmia i dettagli eccessivamente personali.

Man mano che la gravidanza progredisce, le attività quotidiane come stare seduti e in piedi possono diventare scomode. Ricorda quelle pause brevi e frequenti per combattere la fatica? Lo spostamento di alcune ore può anche alleviare la tensione muscolare e aiutare a prevenire l’accumulo di liquidi nelle gambe e nei piedi. Prova anche queste altre strategie:

Seduta. L’uso di una sedia regolabile con un buon supporto per la parte bassa della schiena può rendere molto più lunghe lunghe ore di seduta, soprattutto in base al cambiamento di peso e postura. Se la tua sedia non è regolabile, usa un piccolo cuscino o cuscino per fornire supporto extra per la schiena. Elevare le gambe per diminuire il gonfiore.


In piedi. Se devi stare in piedi per lunghi periodi, metti uno dei tuoi piedi su un poggiapiedi, uno sgabello basso o una scatola. Cambiare i piedi ogni tanto e fare pause frequenti. Indossare scarpe comode con un buon supporto per l’arco. Considera anche l’uso del supporto o del tubo di compressione.

Flessione e sollevamento. Anche quando stai sollevando qualcosa di leggero, una forma corretta può risparmiarti la schiena. Piegati in ginocchio, non nella tua vita. Tieni il carico vicino al tuo corpo, sollevando con le gambe – non con la schiena. Evitare di torcere il corpo durante il sollevamento.

Mantenere lo stress sotto controllo
Lo stress sul lavoro può assorbire l’energia di cui hai bisogno per prendersi cura di te e del tuo bambino. Per ridurre lo stress sul posto di lavoro:

Prendere il controllo. Crea elenchi giornalieri delle cose da fare e assegna la priorità alle tue attività. Considera cosa puoi delegare a qualcun altro – o eliminare.


Parlane. Condividi le frustrazioni con un collaboratore solidale, un amico o una persona cara.

Rilassati. Praticare tecniche di rilassamento, come respirare lentamente o immaginarsi in un posto tranquillo. Prova una lezione di yoga prenatale, purché il tuo medico indichi che va bene.

Concediti del tempo per goderti le cose belle della gravidanza, come fare la spesa per il tuo neonato e decorare la stanza dei bambini. Inoltre, concediti di parlare del tuo entusiasmo per la gravidanza con i colleghi. Se sei strettamente in affari al lavoro, ti stai privando di condividere la tua eccitazione per la tua gravidanza. (Presta attenzione ai segnali non verbali, poiché non tutti i colleghi vorranno ascoltare i tuoi affari personali.)

Divertiti a mangiare sano mentre sei incinta; una buona dieta ricca di frutta e verdura ti aiuterà a sentirti bene durante questo momento speciale. Inoltre, passerai le buone sostanze nutritive al tuo bambino. Sappi che quando cerchi di portare avanti gravidanza e lavoro avrai giorni buoni e giorni brutti. Ci saranno giorni in cui sei pieno di energia e di eccitazione e altri giorni in cui soffri di nausee mattutine e non vuoi muoverti. Quando ti senti bene, vai avanti al lavoro, completa i progetti prima della scadenza ed essere il più efficiente possibile. Questo ti permetterà di rilassarti nei giorni in cui non ti senti bene.