Gravidanza

Gestire l’influenza in gravidanza

Un raffreddore è un’infezione virale lieve molto comune del naso, della gola, dei seni e delle vie respiratorie superiori. Può causare un naso bloccato seguito da un naso che cola, starnuti, mal di gola e tosse. Il raffreddore durerà solitamente per circa una settimana mentre il corpo combatte l’infezione. Non esiste una cura per il raffreddore, anche se di solito puoi alleviare i sintomi di un raffreddore a casa prendendo farmaci da banco, come il paracetamolo, e bevendo molti liquidi.

L’influenza è una malattia virale contagiosa diffusa da tosse e starnuti. Non è lo stesso di un raffreddore. L’influenza è causata da un diverso gruppo di virus. I sintomi tendono ad essere più severi e durano più a lungo. È possibile prendere l’influenza – insomma per l’influenza – tutto l’anno, ma è particolarmente comune in inverno. Se sei incinta e pensi di avere l’influenza, consulta il tuo medico il prima possibile. Si raccomanda che le donne in stato di gravidanza che hanno l’influenza siano trattate con farmaci antivirali perché sono molto più a rischio di complicanze. I farmaci antivirali funzionano meglio quando inizia entro 48 ore dall’inizio dei sintomi.

Gli antivirali non cureranno l’influenza, ma aiuteranno a ridurre il tempo in cui si è malati di circa un giorno, ad alleviare alcuni dei sintomi e a ridurre il potenziale di gravi complicanze. Se questo è il caso, dovresti anche riposare, tenerti il più possibile al caldo, bere molta acqua così da combattere la disidratazione e prendere il paracetamolo per abbassare la temperatura corporea e limitare i dolori.

Idealmente, dovresti evitare di assumere medicinali durante la gravidanza, in particolare durante i primi tre mesi. Condizioni come raffreddori o dolori e dolori minori spesso non richiedono il trattamento con medicinali. Tuttavia, se sei incinta e senti di dover prendere medicine, il paracetamolo è sicuro. Prima di prendere qualsiasi medicinale durante la gravidanza, dovresti ricevere consigli dall’ostetrica o dal medico. Quando sei incinta, il paracetamolo è la scelta migliore per trattare dolori lievi o moderati, abbattere la febbre e alleviare genericamente il dolore. Al momento non esistono prove chiare che abbia effetti dannosi sul nascituro.

Tuttavia, come con qualsiasi medicinale assunto durante la gravidanza, usare il paracetamolo alla dose efficace più bassa per il minor tempo possibile. Se la dose raccomandata di paracetamolo non controlla i sintomi o se soffri, prendi più consigli dall’ostetrica o dal medico.

L’ibuprofene è un medicinale antinfiammatorio non steroideo (NSAID). Parli con il medico prima di prendere ibuprofene o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) in caso di gravidanza o di pianificazione di una gravidanza. Non è noto con certezza se l’assunzione o meno di FANS come l’ibuprofene o l’aspirina nelle prime fasi della gravidanza aumenti il ​​rischio di aborto spontaneo. I FANS non devono essere assunti negli ultimi tre mesi di gravidanza quando l’uso può causare sanguinamento prima e dopo il parto, travaglio ritardato del parto e nascita e problemi cardiaci o renali per il nascituro. Il paracetamolo, che non è un FANS, è la medicina preferita per alleviare il dolore e il controllo della temperatura durante la gravidanza.

Chi volesse può anche prendere in considerazione la vaccinazione antinfluenzale durante la gravidanza L’influenza antinfluenzale proteggerà sia te che il bambino. Le donne in gravidanza hanno una probabilità molto maggiore di sviluppare complicanze (comprese complicazioni potenzialmente letali) se hanno influenza, in particolare nelle fasi successive della gravidanza. Una delle complicanze più comuni di influenza è la bronchite, un’infezione toracica che può diventare grave e trasformarsi in polmonite.

Se soffri di influenza mentre sei incinta, potrebbe significare che il tuo bambino è nato prematuro o ha un basso peso alla nascita, e può persino portare alla morte o al parto nella prima settimana di vita. Ottenere il vaccino antinfluenzale è sicuro durante qualsiasi fase della gravidanza, dalle prime settimane fino alla data di scadenza prevista. Il vaccino non comporta rischi per te o il tuo bambino.

Le donne che hanno avuto il vaccino antinfluenzale durante la gravidanza passano anche una certa protezione ai loro bambini, che dura per i primi 6 mesi della loro vita.Il vaccino non pone alcun rischio alle donne che allattano al seno o ai loro bambini. Se ti ammali di sintomi influenzali, contatta immediatamente il medico. Ci sono farmaci antivirali che possono curare la malattia influenzale e prevenire gravi complicanze influenzali. CDC raccomanda un trattamento tempestivo per le persone che hanno un’infezione influenzale o sospetta infezione influenzale e che sono ad alto rischio di gravi complicanze influenzali, come le persone con asma, diabete (incluso il diabete gestazionale) o malattie cardiache. È stato dimostrato che il trattamento precoce dell’influenza in donne incinte ospedalizzate riduce la durata della degenza ospedaliera.

I sintomi influenzali comprendono febbre, tosse, mal di gola, naso che cola o chiuso, dolori muscolari, mal di testa, brividi e stanchezza. Alcune persone possono anche avere vomito e diarrea. Le persone possono essere infette dall’influenza e avere sintomi respiratori senza febbre.

Non è una rivelazione che quando sei incinta il tuo corpo sperimenta cambiamenti. Ma uno di questi cambiamenti è che hai un sistema immunitario più debole. Un sistema immunitario più debole aiuta a impedire al corpo della donna di rigettare il nascituro. Tuttavia, lascia anche in attesa di mamme più vulnerabili alle infezioni virali e batteriche. Le donne incinte hanno anche maggiori probabilità rispetto alle donne non gravide della loro età di avere complicanze influenzali. Queste complicazioni possono includere la polmonite, la bronchite o le infezioni del seno.

Ottenere una vaccinazione antinfluenzale riduce il rischio di infezioni e complicanze. Ottenere una vaccinazione antinfluenzale aiuta a proteggere le donne incinte e i loro bambini fino a sei mesi dopo la nascita. Quindi, è importante che le donne in gravidanza siano aggiornate sul loro programma di vaccinazione.