gravidanzaviaggio

Toxoplasmosi in gravidanza

Suggerimenti per una gravidanza al top!

La toxoplasmosi è un’infezione causata dal parassita Toxoplasma gondii che può colpire il bambino in crescita durante la gravidanza.

Cos’è la toxoplasmosi?

La toxoplasmosi è un’infezione causata dal parassita Toxoplasma gondii. Nelle donne non gravide non ha molti sintomi. In effetti, molte persone non sapranno mai di averlo avuto. Alcune persone possono avere lievi sintomi simil-influenzali. Alcuni possono sperimentare una malattia più a lungo termine simile alla febbre ghiandolare e ai linfonodi ingrossati.

Sebbene la toxoplasmosi normalmente causi una leggera malattia nelle persone con un sistema immunitario sano, è rischiosa durante la gravidanza perché potrebbe danneggiare il bambino.

Il parassita si trova nella carne, nelle feci di gatto, nel terreno dove defecano i gatti e nel latte di capra non pastorizzato. Il parassita toxoplasma può infettare la maggior parte degli uccelli e degli animali a sangue caldo, compreso l’uomo. I gatti sono gli unici animali che possono avere feci infette. Dopo aver catturato l’infezione mangiando uccelli, topi o altre carni crude, un gatto può liberarsi di feci infettive per circa 14 giorni.

La toxoplasmosi non può essere contratta accarezzando un gatto o avendo un gatto come animale domestico. L’infezione viene dal contatto con le feci infette di un gatto.

Quanto è comune la toxoplasmosi?

Si stima che tra un terzo e metà della popolazione contrarrà l’infezione ad un certo punto della sua vita. Una volta che hai avuto l’infezione, sei quindi immune, non puoi prenderla di nuovo. Circa 2.000 donne all’anno in Italia contraggono toxoplasmosi durante la gravidanza.

La maggior parte delle donne in gravidanza non può mai sapere di essere stata infettata a meno che non abbia avuto problemi durante la gravidanza, il che significa che hanno fatto degli esami. Tuttavia l’infezione spesso non ha sintomi.

Gli effetti della toxoplasmosi in gravidanza

La toxoplasmosi di solito non causa alcun sintomo e nella maggior parte dei casi una persona non si rende conto di aver contratto l’infezione.

Può causare sintomi simili all’influenza o alla febbre ghiandolare, a volte inclusi i linfonodi ingrossati.

Una volta che una persona ha avuto la malattia in genere si pensa che sia protetta per tutta la vita, a meno che non soffra di una compromissione del suo sistema immunitario.

Rischi della toxoplasmosi

La toxoplasmosi è solo rischiosa per il feto se viene contratta per la prima volta durante la gravidanza o entro alcune settimane prima della gravidanza.

Se un bambino non nato prende la malattia, si dice che abbia una “toxoplasmosi congenita”. Il danno che l’infezione può causare dipenderà da quando in gravidanza hai avuto l’infezione.

Se prendi la toxoplasmosi per la prima volta durante la gravidanza, ciò non significa che il tuo bambino sarà infetto.

In media, solo 4 su 10 di tali infezioni passeranno al bambino. Contratta durante la gravidanza, la toxoplasmosi può causare aborto, natimortalità o danni al cervello del bambino e ad altri organi, in particolare agli occhi.

Tuttavia, la maggior parte dei bambini nati con la toxoplasmosi non hanno danni evidenti alla nascita, ma sviluppano sintomi, in genere danni agli occhi, durante l’infanzia o anche nell’età adulta. Alcuni avranno mai sintomi più gravi come cecità o danni cerebrali.

Come si contrae la toxoplasmosi?

La toxoplasmosi viene contratta inghiottendo qualsiasi cosa infetta o contaminata dal parassita.

Questo parassita si potrebbe trovare all’interno di:

  • carne cruda o poco cotta (carne che mostra tracce di rosa o di sangue), e salumi crudi come il prosciutto di Parma o il salame
  • verdure e frutta non lavate
  • feci di gatto o terreno contaminato con feci di gatto
  • latte di capra non pastorizzato e prodotti a base di latte prodotti da esso.

L’infezione può anche essere trasmessa:

  • attraverso la placenta se la madre diventa un’infezione infetta (madre al nascituro).
  • attraverso la materia infetta che entra nei fluidi corporei; se, ad esempio, durante il processo di infezione, se il materiale si spruzza negli occhi o nei tagli aperti.
  • attraverso organi trapiantati o emoderivati di altri esseri umani che sono infetti da toxoplasmosi
  • attraverso l’inalazione delle uova di parassita (possibili ma molto insolite).

L’infezione da persona a persona non è possibile, tranne che dalla madre al nascituro.

Chi è a rischio di toxoplasmosi?

Chiunque mangia qualcosa infetto dal parassita. Le donne incinte che lavorano a contatto con la terra, nella ristorazione o nell’agricoltura possono essere a più alto rischio in quanto possono essere più probabilità di entrare in contatto con il parassita. L’infezione è un rischio particolare per le donne incinte.

Consigli per evitare la toxoplasmosi durante la gravidanza

Mangiare solo carne che sia stata completamente cotta (cioè, senza tracce di sangue o di rosa).

Evitare le carni crude e i salumi, come il prosciutto di Parma.

  • Lavare accuratamente le mani, i taglieri e gli utensili dopo aver preparato la carne cruda.
  • Lavare accuratamente tutta la frutta e le verdure prima di cucinare / mangiare per rimuovere tutte le tracce di terra.
  • Evitare latte e latticini di capra non pastorizzati fatti da esso.
  • Indossare i guanti durante il giardinaggio e lavati mani e guanti in seguito, se mangi durante il giardinaggio lavati prima le mani e cerca di evitare il giardinaggio in aree che potrebbero essere state sporcate da feci di gatto.
  • Coprire le sabbiere per bambini per evitare che i gatti li usino come lettiere.
  • Rimuovere le feci dalla lettiera dei gatti ogni giorno indossando guanti di gomma (o chiedere a qualcun altro di farlo), scaldare i vassoi regolarmente con acqua bollente.
  • Se si maneggiano i vassoi dei rifiuti, lavare accuratamente i guanti e le mani
  • Non maneggiare le pecore che allattano e non portare agnelli in casa.

Posso cambiare la lettiera per gatti mentre sono incinta?


I gatti sono gli unici animali che possono liberare questo parassita nelle loro feci. Se vengono prese precauzioni, i gatti non rappresentano un rischio particolare per una donna incinta. Se si maneggiano i vassoi dei rifiuti, lavare accuratamente i guanti e le mani.

Cosa devo fare se penso di avere una toxoplasmosi?


La toxoplasmosi non viene regolarmente testata durante la gravidanza nel Regno Unito. Potresti tuttavia richiedere un esame del sangue dal tuo medico di famiglia se ritieni di aver messo a rischio te stesso, sei preoccupato per i sintomi.

L’esame del sangue cerca anticorpi – le difese naturali del corpo – per l’infezione. Potrebbero essere necessarie tre settimane per la presenza di questi anticorpi a seguito di un’infezione, quindi l’esame del sangue raccoglierà solo un’infezione che hai avuto per almeno tre settimane. A seconda del tipo di anticorpi trovati e se i livelli sono stabili, in aumento o in calo, è possibile determinare quando l’infezione ha avuto luogo.

I risultati potrebbero tornare in una settimana o più a lungo se sono stati trasmessi a un laboratorio di riferimento Toxoplasma.

Test per la toxoplasmosi in gravidanza


Gli esami del sangue per la toxoplasmosi possono essere eseguiti in qualsiasi momento prima o durante la gravidanza. L’esame del sangue può solitamente mostrare l’infezione possibile solo due o tre settimane dopo ogni incidente a rischio, poiché può richiedere molto tempo prima che gli anticorpi siano rilevabili.

L’analisi del sangue comporta l’assunzione di una piccola quantità di sangue dalla madre. Non ci sono rischi per il nascituro. L’analisi del sangue ha lo scopo di mostrare se alcuni anticorpi che indicano la toxoplasmosi sono presenti o meno e, se sono presenti, di scoprire quando è avvenuta l’infezione.

Se i test mostrano che c’è un’infezione recente o attuale, c’è il rischio che il bambino sia infetto. L’ostetrico o il medico generico raccomandano qualsiasi ulteriore azione che potrebbe essere richiesta. Potrebbero essere necessarie diverse settimane perché l’infezione passi da te al bambino. Il grado di rischio e gravità del danno dipende da quando sei stato infettato.

Un risultato positivo a causa di un’infezione corrente / recente
Se il test mostra un’infezione in corso o recente, il sangue deve essere inviato dal laboratorio locale al laboratorio di riferimento Toxoplasma, per conferma e ulteriori test.

Una piccola percentuale di test apparirà positiva quando in realtà una donna non ha mai avuto la malattia.

Se ulteriori test mostrano un’infezione attuale o recente, significa che si soffre di un’infezione acuta da toxoplasma. È necessario intraprendere ulteriori azioni per valutare il rischio di trasmettere l’infezione al bambino.

Se sei stato infettato poco prima del concepimento


L’infezione colta poco prima del concepimento (poche settimane prima) comporta un rischio dell’uno per cento o inferiore alla trasmissione al bambino, ma c’è il rischio di aborto se il bambino viene infettato.

Se sei stato infettato nel primo trimestre (settimana uno a 12)


L’infezione contratta in questa fase della gravidanza comporta un rischio di trasmissione del 10-15% circa per il bambino. Un bambino infetto a questo stadio rischia di essere vittima di aborto o di nascere con sintomi gravi come l’idrocefalo (acqua sul cervello), calcificazioni del cervello o retinochoroidite (infiammazione della retina).

Se sei stato infettato nel secondo trimestre (settimana 13-28)


L’infezione catturata in questa fase della gravidanza comporta un rischio di trasmissione del 25% circa. Un bambino infetto a questo stadio ha meno probabilità di abortire, ma è ancora a rischio di sviluppare sintomi gravi come sopra.

Se sei stato infettato nel terzo trimestre (dalla settimana 29 alla 40)


È più probabile che l’infezione rilevata più tardi durante la gravidanza si diffonda al bambino, il rischio di trasmissione può arrivare al 70-80%, ma se i problemi si sviluppano, è meno probabile che siano altrettanto gravi. La maggior parte dei bambini infetti apparentemente sani alla nascita, ma una grande proporzione svilupperà sintomi più tardi nella vita, di solito i danni agli occhi.

Scoprire se il bambino è stato infettato


Ulteriori test possono essere effettuati per scoprire se il bambino è infetto o meno, sebbene i test non mostrino quanto sia grave il danno. Un ostetrico o un medico generico possono spiegare i rischi e i benefici di condurre questi test.

L’amniocentesi è una tecnica in cui il liquido amniotico viene rimosso da un ago sottile dal sacco amniotico – il sacco pieno di liquido intorno al bambino.

La cordocentesi è una tecnica in cui un campione del sangue del bambino viene rimosso dal cordone ombelicale.

Queste procedure comportano un rischio dello 0,5% -1% di causare aborto spontaneo. Normalmente vengono effettuati dopo 15 settimane di gravidanza. Il liquido amniotico o il sangue del cordone ombelicale vengono quindi testati presso il laboratorio di riferimento Toxoplasma utilizzando una serie di test specializzati.

Se questo è positivo, il bambino sarà considerato infetto. I risultati richiedono in genere da due a cinque giorni. Un’ecografia dettagliata mostrerà se c’è un danno maggiore, come l’idrocefalo (acqua sul cervello), ma una scansione che non mostra alcun danno, mentre rassicurante, non esclude la possibilità che il bambino sia sia infetto sia colpito.

Trattamento della toxoplasmosi in gravidanza


Se si ottiene un risultato positivo del test del sangue, potrebbe essere prescritto un antibiotico chiamato spiramicina, che riduce il rischio che l’infezione venga trasmessa al bambino. La spiramicina riduce solo il rischio di trasmissione da madre a figlio e non è attiva contro il parassita. Pertanto, non può limitare alcun danno se un bambino è già stato infettato.

Se si scopre che il bambino è infetto, può essere assunta una combinazione di pirimetamina e sulfadiazina. Questi sono entrambi antibiotici più forti e aiutano a limitare qualsiasi danno al bambino, anche se, ancora una volta, non possono annullare alcun danno.

A 20 settimane un’ecografia può anche evidenziare eventuali ovvi problemi fisici nel bambino. La cessazione della gravidanza è anche un’opzione per alcune donne, quando è stato confermato un bambino infetto con gravi problemi di sviluppo.

Tutti i bambini nati da donne con una toxoplasmosi confermata in gravidanza saranno monitorati attentamente dai pediatri e riceveranno esami del sangue durante il primo anno.

Effetti collaterali dei trattamenti

La spiramicina è usata abitualmente in Francia per il trattamento della toxoplasmosi in gravidanza, con poche evidenze di effetti avversi. Gli esperti ritengono che sia sicuro da usare in gravidanza quando un bambino è a rischio. Le donne che assumono spiramicina a volte hanno effetti collaterali come nausea o eruzioni cutanee.

La pirimetamina e la sulfadiazina possono avere effetti collaterali sia per la madre che per il bambino correlati alla produzione di globuli rossi. Sebbene non siano normalmente prescritti in gravidanza, possono essere usati in circostanze estreme. Sono presi con acido folinico, che aiuta a ridurre i peggiori effetti collaterali.

Tutti i bambini nati da donne che hanno avuto un’infezione recente o attuale in gravidanza devono essere sottoposti ad un esame fisico completo dopo la nascita, seguiti da esami del sangue durante il primo anno di vita del bambino

Trattamento dopo la nascita del bambino


Campione di sangue


Un campione di sangue deve essere prelevato da bambini a rischio poco dopo la nascita. Dovresti anche prelevare un campione di sangue per confrontare i livelli di anticorpi specifici tra te e il tuo bambino.

Verranno effettuati test per cercare diversi tipi di anticorpi contro la toxoplasmosi nel sangue del bambino. Il tuo bambino trasporta alcuni dei tuoi anticorpi, quindi è previsto un risultato positivo e non necessariamente allarmante. Se sono presenti altri anticorpi, ciò potrebbe indicare che il bambino è infetto.

Altri controlli / esami


I bambini che sono noti per essere a rischio di avere la toxoplasmosi congenita devono essere controllati per i segni di danno neurologico. Gli occhi saranno esaminati per i segni di qualsiasi problema, preferibilmente da un oftalmologo (specialista oculista). Il follow-up a lungo termine da parte di un oftalmologo potrebbe essere necessario se il danno oculare è confermato.

Verranno anche controllati lo stato di salute generale del tuo bambino. Se esiste una possibilità che il bambino abbia un danno cerebrale, potrebbero essere eseguite radiografie speciali per verificare la presenza di calcificazioni, ventricoli ingranditi o altre anomalie.

Trattamento per bambini che sono stati infettati da toxoplasmosi


Se le analisi del sangue hanno dimostrato che il bambino è stato infettato, potrebbero essere prescritti antibiotici, anche se il bambino non mostra sintomi. Il trattamento può a volte essere continuato per un anno, per aiutare a prevenire o limitare i danni agli occhi che possono verificarsi in seguito.

Ulteriori test / esami


Un campione di sangue prelevato ogni pochi mesi, fino a un anno di età, può mostrare se il livello di anticorpi del bambino sta diminuendo. A quell’età, il livello dovrebbe essere completamente negativo.

Ciò significa che il tuo bambino avrà perso gli anticorpi acquisiti da te e non è infetto. Quando il campione di sangue del tuo bambino è completamente negativo agli anticorpi, significa che non sono sicuramente infetti congeniti. Un livello anticorpale in calo è un buon segno, ma non è conclusivo e i test dovrebbero continuare fino a quando il livello di anticorpi è completamente negativo.

L’allattamento al seno


L’allattamento al seno è sicuro se si ha la toxoplasmosi, la malattia non può essere trasmessa in questo modo. Trasmetti anche altri anticorpi al tuo bambino, rendendo più forte il loro sistema immunitario. Si raccomanda pertanto l’allattamento al seno, a meno che non venga trattato con pirimetamina. Questo farmaco deve essere cambiato prima dell’allattamento al seno.


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/mammalupo/public_html/wp-content/themes/vmagazine-lite/inc/vmagazine-lite-functions.php on line 704