gravidanza

Tiroide e gravidanza: quello che c’è da sapere

La malattia della tiroide è un gruppo di disturbi che colpisce la ghiandola tiroidea. La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla nella parte anteriore del collo che produce ormoni tiroidei. Gli ormoni tiroidei controllano il modo in cui il tuo corpo utilizza l’energia, quindi influenzano il modo in cui funziona il tuo corpo – anche il modo in cui il tuo cuore batte.

A volte la tiroide fa troppo o troppo poco di questi ormoni. Troppo ormone tiroideo si chiama ipertiroidismo e può far accelerare molte funzioni del corpo. “Hyper” significa che la tiroide è iperattiva. Ulteriori informazioni sull’ipertiroidismo in gravidanza. L’ormone tiroideo troppo piccolo si chiama ipotiroidismo e può causare il rallentamento di molte funzioni del corpo. “Hypo” significa che la tiroide è insufficiente. Ulteriori informazioni sull’ipotiroidismo in gravidanza.

Se hai problemi alla tiroide, puoi comunque avere una gravidanza sana e proteggere la salute del tuo bambino eseguendo regolari test di funzionalità tiroidea e prendendo qualsiasi medicinale prescritto dal medico.

Che ruolo giocano gli ormoni tiroidei in gravidanza?
Gli ormoni tiroidei sono fondamentali per il normale sviluppo del cervello e del sistema nervoso del bambino. Durante il primo trimestre – i primi 3 mesi di gravidanza – il bambino dipende dall’offerta di ormone tiroideo, che passa attraverso la placenta. A circa 12 settimane, la tiroide del bambino inizia a funzionare da sola, ma non produce abbastanza ormone tiroideo fino a 18-20 settimane di gravidanza.

Due ormoni correlati alla gravidanza – la gonadotropina corionica umana (hCG) e gli estrogeni – causano livelli di ormone tiroideo più alti misurati nel sangue. La tiroide si ingrandisce leggermente nelle donne sane durante la gravidanza, ma di solito non è sufficiente per un operatore sanitario per sentirsi durante un esame fisico.

I problemi alla tiroide possono essere difficili da diagnosticare in gravidanza a causa dei più alti livelli di ormoni tiroidei e di altri sintomi che si verificano in entrambi i disturbi della gravidanza e della tiroide. Alcuni sintomi di ipertiroidismo o ipotiroidismo sono più facili da individuare e possono richiedere al medico di testare per queste malattie della tiroide. Un altro tipo di malattia della tiroide, tiroidite postpartum, può verificarsi dopo la nascita del bambino.

L’ipertiroidismo in gravidanza è solitamente causato dalla malattia di Graves e si verifica in 1-4 su 1.000 gravidanze negli Stati Uniti. La malattia di Graves è una malattia autoimmune. Con questa malattia, il tuo sistema immunitario produce anticorpi che causano alla tiroide un eccesso di ormone tiroideo. Questo anticorpo è chiamato immunoglobulina stimolante la tiroide o TSI.

La malattia di Graves può comparire per la prima volta durante la gravidanza. Tuttavia, se hai già la malattia di Graves, i tuoi sintomi potrebbero migliorare nel secondo e terzo trimestre. Alcune parti del tuo sistema immunitario sono meno attive più tardi in gravidanza, quindi il tuo sistema immunitario fa meno TSI. Questo potrebbe essere il motivo per cui i sintomi migliorano. La malattia di Graves spesso peggiora di nuovo nei primi mesi dopo la nascita del bambino, quando i livelli di TSI aumentano di nuovo. Se hai la malattia di Graves, il tuo medico probabilmente testerà la tua funzione tiroidea al mese per tutta la gravidanza e potrebbe dover curare il tuo ipertiroidismo.1 I livelli di ormoni tiroidei troppo elevati possono danneggiare la tua salute e quella del tuo bambino.


Se hai la malattia di Graves, il tuo medico probabilmente testerà la tua funzione tiroidea al mese durante la gravidanza. Raramente, l’ipertiroidismo in gravidanza è legato all’iperemesi gravidica – grave nausea e vomito che può portare a perdita di peso e disidratazione. Gli esperti ritengono che questa grave nausea e vomito siano causati da alti livelli di hCG all’inizio della gravidanza. Livelli elevati di hCG possono causare un aumento eccessivo dell’ormone tiroideo alla tiroide. Questo tipo di ipertiroidismo di solito scompare durante la seconda metà della gravidanza.

L’ipertiroidismo non trattato durante la gravidanza può portare a diversi problemi come l’aborto spontaneo, la nascita prematura, il basso peso alla nascita, la preeclampsia (un aumento della pressione sanguigna nella tarda gravidanza) e la tempesta di tiroide, un improvviso peggioramento dei sintomi di insufficienza cardiaca congestizia.


Raramente, la malattia di Graves può anche colpire la tiroide di un bambino, causando così troppo ormone tiroideo. Anche se il tuo ipertiroidismo è stato curato dal trattamento con iodio radioattivo per distruggere le cellule tiroidee o un intervento chirurgico per rimuovere la tiroide, il tuo corpo fa ancora l’anticorpo TSI. Quando i livelli di questo anticorpo sono alti, la TSI può spostarsi nel flusso sanguigno del bambino. Proprio come la TSI ha causato la tua stessa tiroide a produrre troppo ormone tiroideo, può anche causare la tiroide del tuo bambino a fare troppo.

Informi il medico se ha subito un intervento chirurgico o di trattamento con iodio radioattivo per la malattia di Graves, in modo da poter controllare i livelli di TSI. Se sono molto alti, il medico controllerà il bambino per problemi legati alla tiroide più tardi durante la gravidanza.

Se hai un lieve ipertiroidismo durante la gravidanza, probabilmente non avrai bisogno di cure. Se il tuo ipertiroidismo è legato all’iperemesi gravidica, hai solo bisogno di un trattamento per il vomito e la disidratazione.

Se il tuo ipertiroidismo è più grave, il medico può prescrivere farmaci antitiroidei, che causano alla tiroide meno ormoni tiroidei. Questo trattamento impedisce che troppo del tuo ormone tiroideo entri nella circolazione sanguigna del tuo bambino. Potresti voler vedere uno specialista, come un endocrinologo o un esperto in medicina materno-fetale, che possa monitorare attentamente il tuo bambino per essere sicuro di ricevere la giusta dose.

I medici più spesso trattano le donne incinte con il farmaco antitiroide propiltiouracile (PTU) durante i primi 3 mesi di gravidanza. Un altro tipo di farmaco antitiroide, il metimazolo, è più facile da prendere e ha meno effetti collaterali, ma è leggermente più probabile che causi gravi difetti alla nascita rispetto al PTU. I difetti alla nascita con entrambi i tipi di farmaci sono rari. A volte i medici passano al metimazolo dopo il primo trimestre di gravidanza. Alcune donne non hanno più bisogno di medicine antitiroidee nel terzo trimestre.

Il trattamento per l’ipotiroidismo comporta la sostituzione dell’ormone che la tua tiroide non può più produrre. Molto probabilmente il medico prescriverà la levotiroxina, un medicinale per l’ormone tiroideo che è lo stesso di T4, uno degli ormoni che la tiroide normalmente produce. La levotiroxina è sicura per il bambino e particolarmente importante finché il bambino non riesce a produrre il proprio ormone tiroideo.

La tua tiroide fa un secondo tipo di ormone, T3. All’inizio della gravidanza, il T3 non può entrare nel cervello del tuo bambino come il T4. Invece, qualsiasi T3 di cui il cervello del bambino ha bisogno è composto da T4. Il T3 è incluso in molti farmaci tiroidei prodotti con la tiroide animale, come l’Armatura Tiroide, ma non è utile per lo sviluppo del cervello del tuo bambino. Questi medicinali contengono troppa T3 e non abbastanza T4 e non dovrebbero essere usati durante la gravidanza. Gli esperti raccomandano solo l’uso di levotiroxina (T4) durante la gravidanza. Alcune donne con ipotiroidismo subclinico – una forma lieve della malattia senza sintomi chiari – potrebbero non avere bisogno di cure.

Se ha avuto ipotiroidismo prima di rimanere incinta e sta assumendo levotiroxina, probabilmente sarà necessario aumentare la dose. La maggior parte degli specialisti della tiroide raccomandano di assumere due dosi extra di medicina della tiroide a settimana, iniziando immediatamente. Rivolgersi al proprio medico non appena si sa che sei incinta.

Molto probabilmente il medico testerà i livelli di ormone tiroideo ogni 4-6 settimane per la prima metà della gravidanza e almeno una volta dopo 30 settimane.1 Potrebbe essere necessario aggiustare la dose un paio di volte.

Cos’è la tiroidite postpartum?


La tiroidite postpartum è un’infiammazione della tiroide che colpisce circa 1 donna su 20 durante il primo anno dopo il parto1 ed è più comune nelle donne con diabete di tipo 1. L’infiammazione causa l’accumulo di ormone tiroideo accumulato fuori dalla ghiandola tiroidea. All’inizio, la perdita aumenta i livelli ormonali nel sangue, portando all’ipertiroidismo. L’ipertiroidismo può durare fino a 3 mesi. Dopo di ciò, alcuni danni alla tiroide possono causare la sua insufficienza. Il tuo ipotiroidismo può durare fino a un anno dopo la nascita del bambino. Tuttavia, in alcune donne, l’ipotiroidismo non scompare.

Non tutte le donne che hanno una tiroidite postpartum attraversano entrambe le fasi. Alcuni attraversano solo la fase ipertiroidea e alcuni solo la fase ipotiroidea.