gravidanzamammemamme e salute

Gli effetti della caffeina durante la gravidanza

pancione e caffeina

L’assunzione eccessiva di caffeina durante la gravidanza può avere effetti dannosi. Tuttavia, sapevi che un consumo moderato può effettivamente essere utile?

La caffeina è una sostanza che la nostra società consuma abbastanza abitualmente. È presente nel caffè, ad esempio cioccolato , bevande analcoliche e tè. Tuttavia, il consumo di caffeina durante la gravidanza è un argomento controverso. Oggi daremo uno sguardo approfondito a questo problema.

Che cos’è la caffeina?
Parliamo continuamente di caffeina, ma sappiamo davvero di cosa si tratta? Chimicamente, è un alcaloide che appartiene al gruppo metilxantina. Nei nostri corpi, la caffeina agisce nel sistema nervoso centrale come psicostimolante.

È un antagonista competitivo dei recettori A1 e A2a dell’adenosina. Questi recettori sono responsabili dell’inibizione del rilascio di molti neurotrasmettitori. Pertanto, l’effetto della caffeina è il rilascio di questi stessi trasmettitori. Ciò massimizza, tra l’altro, l’azione della dopamina .

La caffeina è anche considerata una droga di abuso, date le sue proprietà energizzanti e stimolanti. Un consumo eccessivo di caffeina su base regolare produce tolleranza. Allo stesso tempo, abbandonare improvvisamente un’abitudine alla caffeina può portare all’astinenza.

La caffeina è anche usata per le sue proprietà farmacologiche. In particolare, la caffeina contribuisce al trattamento analgesico del dolore. Fa anche parte della composizione di molti farmaci antinfluenzali ed emicranici.
Quali sono le proprietà della caffeina?
Come abbiamo detto, la caffeina è una sostanza psicostimolante e psicoattiva per il nostro sistema nervoso centrale. Ciò significa che attiva il nostro cervello, svegliandolo e tenendoci vigili. Ma non è tutto. La caffeina ha anche altri effetti sul nostro corpo, tra cui:

La caffeina è un antiossidante e attacca i radicali liberi.
Aumenta la pressione arteriosa .
Aumenta la frequenza cardiaca .
Ha proprietà diuretiche .
Aumenta la circolazione del sangue.
Può produrre un certo livello di disidratazione .
Può produrre mal di testa, anche se può anche aiutare ad alleviarli.
Migliora la funzione respiratoria aumentando la contrazione del diaframma.
Produce vasodilatazione a livello muscolare .
Gli effetti della caffeina durante la gravidanza
A volte, la caffeina è stata considerata un fattore di rischio quando si tratta di fertilità , proprio come il tabacco e altre droghe. Piccole dosi, tuttavia, non comportano rischi. Allo stesso modo, è un’informazione importante da tenere a mente per evitare abusi se stai cercando di concepire.
Il consumo moderato di caffeina durante la gravidanza non provoca effetti dannosi. Detto questo, bere elevate quantità di caffeina durante la gravidanza può ridurre la crescita fetale e persino portare ad aborto spontaneo.

Perché è così? La caffeina attraversa il feto, il che significa che la quantità di caffeina nel sangue di una madre può fluire liberamente nel liquido amniotico e nel feto.
Nella placenta, non c’è modo di metabolizzare la caffeina che entra. Allo stesso tempo, il feto non ha gli enzimi necessari nel suo fegato fino a quando non raggiunge gli 8 mesi di gestazione.

A causa delle proprietà della caffeina, può causare vasocostrizione uterina e fetale, riducendo la quantità di sangue che arriva. Ciò significa che il bambino riceve meno ossigeno e meno nutrienti. Pertanto, l’assunzione elevata di caffeina può alterare la crescita fetale.

Un’altra complicazione più grave che la caffeina può causare durante la gravidanza è miscarraige. Ciò è particolarmente vero durante il primo trimestre. L’eccesso di caffeina può anche causare la comparsa di preeclampsia o ipertensione.

L’ipertensione arteriosa e la frequenza cardiaca sono fattori importanti da controllare durante la gravidanza. Pertanto, è importante evitare di consumare sostanze che possono alterare questi numeri. Non farlo può portare a complicazioni indesiderate, sia per la madre che per il bambino.

Allo stesso tempo, durante l’allattamento, la caffeina può anche passare da una madre al suo bambino attraverso il latte materno. Un’eccessiva assunzione di caffeina nelle madri che allattano può produrre irritabilità nei bambini e alterazioni del sonno. Tuttavia, un consumo moderato non è un rischio.

Conclusione
Detto questo, c’è ancora molta ricerca da fare su questo argomento. È vero che l’abuso di caffeina è dannoso, soprattutto durante la gravidanza, sia per la madre che per il bambino. Tuttavia, un consumo moderato è innocuo e può persino essere benefico .